Class action

Ai sensi dell’articolo 140 bis del Codice del Consumo se una pluralità di utenti sono stati lesi in modo identico dal comportamento di un’impresa possono tentare un’azione collettiva, eventualmente dando mandato ad un’associazione di tutela dei consumatori e promuovere pertanto un’azione contro gli illeciti commessi dall’azienda.
Sono azionabili in giudizio con lo strumento dell’azione di classe (class action):
a) i diritti contrattuali propri di una pluralità di consumatori e utenti i quali si trovano nei confronti di una stessa impresa in una identica situazione;
b) i diritti identici spettanti ai consumatori finali di un determinato prodotto nei confronti del relativo produttore;
c) i diritti identici al ristoro del pregiudizio derivante agli stessi consumatori e utenti da pratiche commerciali scorrette o da comportamenti anticoncorrenziali.
L’azione è divenuta esperibile il 1° gennaio 2010 ma può essere promossa soltanto contro illeciti commessi successivamente al 15 agosto 2009.

 

LineaGrigia allegati