8 luglio 1840

Nascita del Fondatore
Nasce a Cologne Angelo Martinelli da Giuseppe e Granata Maria. Nel 1858 consegue la maturità al Regio Ginnasio Liceale di Bergamo e, nel 1862, si laurea in giurisprudenza presso l'università di Pisa. Tre anni dopo prende avvio il suo impegno nella magistratura come Uditore Giudiziario addetto alla Corte d'appello di Brescia e via via attraverso tutti i gradi successivi nelle diverse sedi giudiziarie, concluderà la sua carriera come Consigliere della Corte d'Appello di Brescia. Carica a cui fu nominato nel 1897 e che eserciterà per 13 anni fini a quando, nel 1910, verrà collocato a riposo. Al termine della sua carriera in magistratura si ritira a Cologne dove vive solo, vedovo (la moglie, Formentini Rosa, sposata il 28.8.1887, morì diversi anni prima) e senza figli, dedicandosi all'amministrazione delle sue proprietà.

19 luglio 1928

Morte del Fondatore
Muore nella sua casa di Cologne Angelo Martinelli. Di lui forse oggi pochi ricorderebbero anche il nome se non fosse per il gesto di straordinaria generosità da cui ebbe origine, per la comunità di Cologne, la Casa di Riposo "Martinelli-Granata-Piantoni". Ventidue giorni prima di morire, infatti, il 27 giugno 1928, il Commendator Angelo Martinelli, magistrato, Consigliere della Corte d'Appello di Brescia, con un testamento olografo pubblicato a rogito del notaio dott. Peri di Rovato istituiva erede universale del proprio patrimonio il Comune di Cologne, con l'obbligo di realizzare un ente a favore degli anziani.

 

30 dicembre 1928

Nomina della prima commissione
con delibera n. 332 del Podestà di Cologne Galignani rag. cav. Enrico è stata nominata la prima commissione comunale, presieduta dal Podestà stesso e composta dal maestro Francesco Mazzotti in qualità di delegato del Podestà (e di fatto amministratore in sua vece), dal Comm. Giuseppe Gnecchi e dal segretario comunale Vittorio Pea. E' di questo periodo l'avvio dell'accoglienza dei primi anziani bisognosi. L'attività di accoglienza dovette però assestarsi abbastanza in fretta se si condidera che già nel 1934 risultano esservi tre dipendenti regolari della Casa di Riposo.

21 febbraio 1938

Riconoscimento in Ente Morale
La Casa di Riposo è stata eretta ad ente morale con Decreto n. 796 del Re Vittorio Emanuele III° Oltre allo status giuridico con lo stesso decreto è stato approvato lo statuto. Gli articoli 2 e 3 sono i più interessanti in quanto specificano le finalità e i destinatari dell'istituzione. "L'Istituzione ha per iscopo di provvedere gratuitamente, secondo i propri mezzi, al ricovero, al mantenimento ed all'assistenza dei poveri d'ambo i sessi inabili al lavoro proficuo(...) aventi il domicilio di soccorso nel comune di Cologne e che non abbiano parenti tenuti, per legge, a provvedere allo loro sorte ed in grado di farlo (...) Possono essere ammessi al beneficio del ricovero gratuito anche gli inabili i quali, essendo sprovvisti di altri mezzi, abbiano ottenuto una pensione di invalidà(...) purchè versino alla cassa del Pio Istituto non meno dei 2/3 della pensione goduta, salvo, in ogni caso, a non eccedersi la misura della retta stabilita per i ricoverati abbienti.